Contatti

fusaro [ A T ] filosofico.net

IASSP – via Vittor Pisani 6, 20124 Milano


22 Responses to Contatti

  1. Salvatore Sanfilippo ha detto:

    Salve, è un piacere sentirti e leggerti, sono ragionamenti interessanti che condivido .. Fammi sapere se posso aderire con il movimento. Saluto con immensa Stima… Salvatore Sanfilippo

  2. stefano ha detto:

    negli ospedali cubani mancano le lenzuola e l’aspirina

  3. Salvatore ha detto:

    Mi sono diplomato all’Istituto Tecnico Industriale G.A.ANGIOJ di sassari nel 1986 ottenendo il diploma di Perito Elettrotecnico.In quegli anni tale istituto era considerato la scuola dei figli dei pastori e degli agricoltori che volevano emanciparvi e trovare un occupazione meno “sacrificata” nell’Enel,in SIR,o alla SIP (oggi Telecom).Invece il liceo classico era la scuola della cosidetta Sassari “bene”.Dove lavorino ora quelli che studiava al liceo Azuni non ne ho la minima idea.Inoltre c’è da dire che le ragazze più belle studiava al liceo mentre al Tecnico Industriale noi maschietti eravamo sfigati perché praticamente le ragazze erano pochissime.Ora che le ragazze hanno dimostrato di essere alla pari degli uomini nelle materie scientifiche ,la situazione è migliorata tantissimo.E adesso gentile Fusaro mi consenta(come dice lei) di esprimere i miei dubbi sul fatto che il liceo classico sia praticamente l’unica scuola deputata alla formazione di un pensiero critico.A parte il fatto che poi quando si finisce il,liceo e l’università quanti saranno a non perdersi nei mille sentieri bui della nostra vita?Certamente le do ragione che se da un lato un istituto tecnico da una formazione scientifica di base molto forte (dove le posso assicurare che per riuscire ad impadronirsi delle leggi che governano i fenomeni elettromagnetici o la logica informatica bisogna spaccarsi le meningi)di contro pecca di poca conoscenza del rapporto uomo ,cultura e società. Una cosa solo mi lascia perplesso e cioè Benetton Croce.Continuamente citato da lei e da altri che si definiscono intellettuali come chissà quale filosofo,a me risulta essere stato un mezzo fallimento.Uno che disse che la logica matematica non avrebbe avuto nessun riscontro nelle filosofie future!Se l’è fallita alla grande.

    • Pasquale dB ha detto:

      Gentilissimo Salvatore,
      scusa se mi intrometto nel tuo discorso. Ho una storia in parte simile alla tua. Mi sono diplomato all’ITIS nel 1982 solo che poi mi sono anche laureato in Ing. Elettronica e Matematica. Ho avuto infinite offerte di lavoro. Quando mi sono “sistemato” mi sono messo a colmare le mie lacune umanistiche facendo tutte le materie del liceo classico. Lo pensavo già da allora, ma serviva verificarlo. Al Liceo Classico sono tutte “chiacchiere e distintivo” che non servono ad un c…o e non interessano a nessuno, men che meno oggi. E’ la scuola dei nullafacenti. Però, ai nostri tempi, come ricordavi tu, c’era una selezione di base: i parrucconi imbecilli delle scuole medie dicevano “tu sei bravo e vai al classico e tu che sei asino vai al professionale”. Per questi motivi è chiaro che essendo fatta la selezione alla base, ed essendo anche figli di papà, quelli del classico avevano la via più facile. Ma oggi io, personalmente, ho visto che sia all’università (ingegneria, dove si studia davvero!) che anche nella società, quelli che hanno fatto il classico ricoprono solo posti per raccomandati, mentre quelli che hanno fatto veramente quacosa provengono tutti dagli Istituti tecnici. L’unica cosa che consiglio è che quando vi siete sistemati (e solo allora) studiatevi (per hobby) tutto ilprogramma del classico; io così facendo ho scoperto che non consiglierei mai quella scuola a chi ha necessità di affermarsi lavorando. Cordiali saluti.

  4. G P Biondo ha detto:

    Egregio sig. Fusaro,

    chi le scrive e’ un italo-americano.
    Ricordo nel 1994 quando venni in Italia per unj paio di settimane . Era il finale di manipulite.
    La gente parlava della “pulizia morale” che la magistratura aveva e stava facendo. Io dissi alla gente che piu’ che lotta contro la corruzzione si trattava di sbarazzarsi di una classe politica che si corrotta ma pur sempre propensa a mantenere lo stato sociale e che con la caduta del “muro” non serviva piu’.
    Un colpo di stato in poche parole. Fui deriso, per quello che dissi. Mi sembra che i fatti mi abbiano dato ragione dopo tanti anni.

    Un cordiale saluto dalla California

    G P Biondo

  5. giuseppe ha detto:

    ciao fusaro, sono lieto che ti intendi con julieta cchieza, e mi piace le tue intervezione perche fa che il pensiero unico trema davanti gente che usa l’itelligenza.
    saluto del belgio

  6. francesco tiravanti ha detto:

    Vorrei tanto parlarle.O comunicare con lei.La conosco da poco.Mi hanno colpito le sue linee di pensiero.Nelle quali mi identifico pienamente.In particolare:critica radicale al neo-liberismo-globalismo,difesa della democrazia-pensiero,difesa del nesso individuo-nazione e dunque della sovranità sostanziale,difesa dello spirito critico del’individuo.E’ un discorso complesso.Grazie.

  7. Edoardo ha detto:

    Salve professore, sono uno studente di Bari. La seguo da tanto tempo e ormai non posso fare a meno di chiederle, senza dissimulare una riposta speranza, quando ha intenzione di entrare in politica. La mia domanda deriva dal fatto che sto sentendo, soprattutto ultimamente, il bisogno di fare attivismo politico, ma la mia ideologia non aderisce alle visioni dei partiti, bensì è molto vicina alla sua. Le chiedo cortesemente un consiglio a riguardo della mia assenza di riferimenti per attivarmi. La ringrazio in anticipo per la disponibilità.

  8. giuseppe ha detto:

    Egregio Sig.Fusaro ,
    mi piacciono molto le sue analisi spesso fuori dal coro e fatte davanti a politici di cui tutti o quasi tutti abbiamo perso la stima e la fiducia. Le darei una medaglia per la trasmissione in cui zittisce monti e personaggi simili quando parlavano dell’euro e della sovranita’ nazionale.

  9. GIULIANELLI GIULIANO ha detto:

    CARO FUSARO, HO APPENA FINITO DI LEGGERE IL SUO BELLISSIMO “PENSARE ALTRIMENTI”.
    MI AUGURO CHE IL SUO LAVORO CONTROCORRENTE POSSA AVERE LA MASSIMA DIVULGAZIONE.
    MI RITROVO IN QUANTO SCRIVE E NEL COMPLESSO DELLA SUA ANALISI E PENSO ALL’ANTIFASCISMO SENZA FASCISMO, AL DISSENSO CHE SI TRASFORMA IN CONSENSO ECC…ECC…
    SOLO UNA DOMANDA: NON CREDE CHE UN CERTO PRESENZIALISMO TELEVISIVO POSSA SOLAMENTE NUOCERE AL SUO OTTIMO LAVORO?? TRE O QUATTRO COMPARSATE NEI VARI TALK SHOW ED ANCHE LENIN SAREBBE STATO RIDICOLIZZATO E NEUTRALIZZATO. VALE DAVVERO COSI’ TANTO LA PENA ANDARE DA PARAGONE E SOCI?
    GRAZIE E SALUTI

    • ROBERTO ha detto:

      Certo che vale la pena ,anzi la presenza del Prof. Fusaro dovrebbe aumentare.
      La tv la carta stampata internet oggi , hanno la stessa funzione che aveva L’Agorà nei tempi che furono.
      Saluti.

    • Alessandro ha detto:

      Carissimo Diego vai nei talk, la tua Parola è sempre utile, illuminante e contro corrente, basta con i prezzolati ed i “polli d’allevamento”….. (vedi il Sig. Gaber)

  10. Lucio Strata ha detto:

    Caro Sig. Diego Prof. Fusaro,
    Come qulcuno ha detto se non fissiamo la sovravita’ economica “e’ tutta aria fritta”.
    In Italia abbiamo un abbiamo un grande economista che e’ il Dr. Marco Saba.
    Vi e’ a livello internazionale il Prof. Richard Werner vedi video : https://www.youtube.com/watch?v=MechH0ebs_c Il Prof Werner dopo aver fatto una tesi sul “QE” Quantitative Easing ora parla apertamente dell truffa bancaria. Cioe’ le Banche Commerciali creano la moneta “digitale” “eletronica” e questa non viene messa in bilancio. Non contabilizzando la creazione della moneta le banche in bilancio mostrano che sono in perdita mentre fanno vistosi profitti. Ho una valanga di cose da dire ma mi fermo qui. Io vivo a Londra.
    Cordiali saluti. Lucio Strata.

    PS: Italia neutrale. Fuori dalla NATO. USA basi tutti a casa. Italia riaqustia sovranita’.
    il Prof. Michel Chossudovsky parla ora della Privatizasione della politica:
    https://www.youtube.com/watch?v=FSa4W5DrKqc

  11. Michele Rossetto ha detto:

    appena sentito l’intervento di oggi 15 maggio 2017 su la7 contro Meli. Potevi anche ripetere che la Meli è prezzolata tanto è solo la triste verità.

  12. francesco cavalli ha detto:

    Vorrei aggiungere un’annotazione a margine delle sue giustissime considerazioni (o meglio constatazioni) sull’Europa come passo intermedio verso la realizzazione dei disegni mondialisti dei grandi poteri finanziari.
    La fondazione stessa dello stato italiano e’ stato un processo assolutamente analogo, che ha con la violenza unificato popoli diversi per storia, cultura, lingua e tradizioni, con l’imposizione di una identita’ “italiana”, altrettanto indeterminata di quanto lo sia oggi quella “europea”, ovviamente attraverso la distruzione dell’immensa ricchezza costituita dalle culture individuali dei popoli “omogeneizzati”.
    Stessi i mandanti ed i finanziatori, una serie di rivoluzioni colorate ante litteram supportate dai cannoni dello stato piu’ indebitato della penisola italiana.
    Per l’Europa sostituirei quindi, al primato degli “Stati Nazionali”, il primato dei popoli sul loro territorio, sul modello svizzero, o, meglio ancora, sui principi della costituzione del Liechstenstain, esempio credo unico al mondo di totale ed assoluta an-archia.
    Cordiali saluti e complimenti.

  13. roberto ha detto:

    salve, domenica 28 maggio al Teatro Martinitt a Milano
    porto in scena lo spettacolo TERRONI -la vera storia dell’unità d’Italia
    sarei onorato della sua presenza, dove posso farLe pervenire l’invito?
    grazie

  14. giuliomoscatelli ha detto:

    Gentile prof., ieri mattina al Festival della Pscicologia a Roma, prima dei lavori, ho avuto il piacere di salutarla..oggi aggiungo una citazione che Le rende merito: nientemeno è di Papa Francesco che sabato ai portuali di Genova ha ammonito di non usare il termine ” meritocrazia” che in modo distorcente allude ai poveri e ai disoccupati come se costoro se lo fossero meritato o -almeno- non si meritassero niente di più. Bene, ciò rende merito ad un suo intervento, Prof. Fusaro, in cui in passato ci ha messo in guardia dall’uso dell’espressione “disagio sociale” ,quasi che gli sfruttati sono poveri solo per un disagio (termine psicologico inerente alla mente vedi “disagio psichico”) della loro immaginazione, cioè “se lo sono sognato”, se non -peggio- sono deliranti.
    Ancora una volta Lei ci aveva messo in guardia dalla neolingua orwelliana e invitato a tornare all’uso gramsciano della lingua come atto rivoluzionario. La saluto con rinnovata stima.

  15. Arianna ha detto:

    Caro prof.FUSARO sto leggendo con attenzione ed entusiasmo il suo libro Pensare altrimenti e mi sento empaticamente vicina al suo dissentire.Nel mio ambiente di lavoro rivendico sempre il diritto a dissentire anche perché i miei colleghi sono come lei dice un gregge amorfo di cultori felici della loro schiavitù. Al mio direttore che un giorno mi intimo’ di obbedire io ,che sono dirigente,gli risposi che non ero suo suddito!

  16. Julius Trestiton ha detto:

    Salve ,
    ho scritto questo breve dialogo ,
    mi farebbe piacere un tuo commento .
    Complimenti per analisi e archivio personale .

    Julius

    Il Capitale , come ultima ideologia sopravvissuta al ’900 .

    “ Come è riuscito a sopravvivere ? “
    “ Perché non aveva ancora dato i suoi frutti ultimi , che darà ora , nel 3° millennio “ .

    Qual’ è la mission ultima del Capitale globale :
    “ Fare un giro , in Bugatti , nel giardino degli orrori “ .

    Si spieghi meglio , cosa intende per “ Giardino degli orrori “ ?
    “ Lo spazio di mondo abitato da quelli che solo produrranno , senza aver potuto , mai , partecipare alla vita , un lager senza filo spinato “

    “ Da questo , come lo chiama lei , lager , ci sarà la possibilità di fuggire ? “
    “ No , perché nessuno fugge dai suoi bisogni economici ! “

    “ Gli inhabitants di questo “ giardino degli orrori “ avranno coscienza di chi e cosa abbia determinato la loro tristissima sorte ? “

    “ No , questa verrà vissuta come una maledizione contestuale alla nascita , malediranno loro stessi , perché la causa prima di tutto ciò , il Capitale “ , è un Dio troppo lontano , irraggiungibile , inconcepibile , metafisico “ .

  17. Alessandra ha detto:

    Salve,
    volevo proporre una questione che non ho trovato esaurientemente elaborata. Volevo sapere se in filosofia si è mai discusso sull'”ordine del caos”, sull’ordine di quei sistemi che ci sembrano caotici.
    Grazie mille a chi vorrà rispondere

  18. Marco Felice Carluccio ha detto:

    Diego carissimo
    sono Marco, don Marco, amico d’infanzia di Mario Carparelli. Come stai?
    Se ricordi abbiamo trascorso qualche anno fa una mezza giornata in barca insieme.
    Ti scrivo perchè, mettendo in ordine le foto, non ho trovato traccia di quelle che facemmo in quell’occasione e che avrei tanto desiderio di conservare.
    Te le ritrovi, me le puoi mandare?
    Ti abbraccio e ti auguro ogni bene e chissà se non ci ritroviamo a Leuca.
    Io sarò giù a fine agosto fino ai primi di settembre.
    I miei contatti sono 329 2218991 e donmarcocarluccio@libero.it.
    Se puoi mi passi i tuoi perchè curo la redazione del nostro mensile e magari potrebbe nascere qualcosa di bello insieme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *