Foto

“Facesti come quei che va di notte,
che porta il lume dietro e sé non giova,
ma dopo sé fa le persone dotte”.

(Dante, Purgatorio, XXII, vv. 67-69) 

12510248_10208688782602909_6427885067227038722_n

12990984_10209525915850717_3880082665058315730_n10714413_10205241745989148_6776339318585792005_o11124604_10207330473046019_2170098628083168777_o11209404_10207206531507558_7074519844664644324_n11270714_10206961787669115_3804660012265653360_o11752534_10207589139672523_4206170559314488414_n11800240_10207648605239125_4909381666552204657_n11884979_10207816561917937_2539652565494812205_o11889947_10207783497491347_4408610525461799080_o11223813_10207397239515139_2751702048585525387_n11201188_10207119716097227_3652067675640785792_n


One Response to Foto

  1. vincenzo viscardi ha detto:

    Chiarissimo prof. Fusaro, (verrebbe spontaneo darLe del Tu, atteso che Tu! tratti sovente argomenti che per la loro intrinseca natura risultano familiari a chi, come me, non ha la possibilità di esprimerli con tanta chiarezza e determinazione) ciò premesso la presente per una garbata polemica circa l’uso che tu “fai” del mezzo televisivo (meno male!!!):
    Pier Paolo Pasolini, il cui pensiero è a noi molto caro (benché non del tutto esplorato), aveva più volte affermato che la televisione in quanto mass media è di per sé uno strumento di sopraffazione delle masse.
    A tale riguardo è storica l’intervista che il poeta rilascia al giornalista enzo biagi, allorquando lo stesso Pasolini su insistenza dell’intervistatore (in una trasmissione rai del 1971) dichiara che il rapporto che si crea tra chi sta “dietro” lo schermo televisivo e chi invece sta “davanti” allo stesso e pari a quello che si crea tra “Superiore” e “Inferiore”. In altri termini tale rapporto è esso stesso falso, non reale, ponendo in tal guisa chi ascolta in uno stato di soggezione, non avendo possibilità alcuna di controbattere chi è invece padrone dello schermo. In altri termini Pasolini definisce il mezzo televisivo antidemocratico, dittatoriale, (in re ipsa) in quanto, si ribadisce, non vi è un rapporto alla pari tra l’ascoltatore (passivo) e il “padrone” dello schermo.
    Alla luce di quanto testé evidenziato, non ritiene, viste le sue, (per fortuna!!!) numerose apparizioni in TV, di porsi in una posizione di netta contraddizione con il pensiero pasoliniano concernente il mezzo televisivo, (dando per scontato che Lei è in sintonia con l’ assunto del poeta in argomento appena specificato?)
    N.B. E’ appena il caso di precisare che non nutro alcun sentimento negativo nei Suoi confronti, anzi se mi fosse possibile affermerei che sono del tutto in sintonia con il suo pensiero concernente il sociale, la politica e quant’altro Lei analizza con estrema lucidità.
    I sentimenti negativi che nutro nei Suoi confronti sono quelli concernenti una sana invidia in riferimento al Suo bagaglio culturale e alla Sua invidiabile capacità di analisi circa le problematiche socio-economiche del Villaggio Globale!
    Fiducioso in sua puntuale risposta porgo i migliori saluti . Enzo V. (zona orientale di Napoli)
    P.S. Spero un giorno organizzare un incontro qui a Napoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *