L’oggi à la page fascino oscuro, obliquo e inconfessabile per l’Islam si spiega per me in questa luce: come attrazione dai confini evanescenti verso un sistema valoriale e un ordine simbolico che ancora non è stato travolto dalla destrutturazione identitaria postmoderna, dalla femminilizzazione dei costumi in funzione dei consumi e dalla svirilizzazione propria della società post-eroica occidentale.


“Ottimo uomo, dal momento che sei Ateniese, cittadino della Città più grande e più famosa per sapienza e potenza, non ti vergogni di occuparti delle ricchezze per guadagnare il più possibile, e della fama e dell’onore, e invece non ti occupi e non ti dai pensiero della saggezza, della verità e della tua anima, in modo che diventi il più possibile buona?”. (Platone, Apologia di Socrate)



(Visualizzazioni 1.179 > oggi 1)