I cento talleri




Rosanna Oliveri,
NIETSCHE TRA LE STELLE
L’eterno ritorno e la cosmologia

pp. 112 – F.to 11 x 18
Copertina a due colori
ISBN 978-88-6336-338-8   pdc € 15,00
Talle72

Una delle concezioni del tempo piu’ suggestive e’ senza dubbio quella dell’eterno ritorno di Nietzsche, punto focale del pensiero nietzscheano di cui spesso pero’ si mette in luce la contraddizione con il resto del pensiero del filosofo. Nietzsche da una parte nega ogni forma di meccanicismo e dall’altra afferma con decisione il continuo riproporsi di una catena di eventi che non puo’ essere cambiata nemmeno nel minimo particolare. Ogni attimo e’ gia’ stato vissuto e ogni momento futuro e’ già segnato per Nietzsche, giungendo cosi’ a una visione nichilista del mondo e della vita. E’ una strada senza fine e senza via d’uscita quella tracciata da Nietzsche. E’ possibile tuttavia una lettura dell’eterno ritorno diversa da quella morale, ed e’ quella scientifica. L’eterno ritorno puo’ essere inteso come teoria cosmologica in risposta alle questioni sollevate dalla scienza dell’epoca. La scienza non e’ al centro della riflessione di Nietzsche, ma in questa egli ricerca un maggiore sostegno alle sue teorie, che piu’ che filosofiche sono teorie morali. La teoria dell’eterno ritorno e’ stata formulata da Nietzsche sulla base di una motivazione morale, per dare un forte sprono su questo piano, ma la sua formulazione e’ anche una risposta ai timori sollevati sul piano scientifico dalla formulazione del secondo principio della dinamica che porta necessariamente alla morte termica per il nostro universo. L’idea della ciclicita’ del tempo e del mantenersi dell’universo sempre costante riproponendosi con la stessa materia e’ ancora alla base di alcune teorie cosmologiche scientificamente accreditate per le quali il pensiero di Nietzsche puo’ costituire un valido fondamento filosofico. Proprio queste cosmologie contemporanee possono inoltre mostrare una via d’uscita alle contraddizioni dell’eterno ritorno, indicando una terza via che non cada nel rigido determinismo.

Rosanna Oliveri è nata a Bolzano, si e’ laureata in Filosofia a Bologna con una tesi sulla relativita’ di Einstein. Attualmente insegna storia e filosofia nei licei dell’Alto Adige e collabora come giornalista con il Corriere dell’Alto Adige, inserto locale del Corriere della Sera. E’ autrice di diversi saggi filosofici. Per la nostra casa editrice ha pubblicato Nietzsche profeta della scienza con prefazione di Sossio Giametta nel 2014.

Sandro Vero,
IL MITO INFINITO
La farsa del capitalismo in 4 atti,
fra scienza dell’individuo, soggettivazione e pratiche del corpo
PREFAZIONE Francesco Coniglione

POSTFAZIONE Diego Fusaro
pp. 144 – F.to 11 x 18
Copertina a due colori
ISBN 978-88-6336-335-7   pdc € 18,00
Talle71

Il capitalismo, soprattutto la sua edizione turbofinanziaria, e’ una inesausta, implacabile macchina mitologica, per usare un concetto caro a Furio Jesi. I passi, ovvero gli atti in cui si articola la drammaturgia del potere, sono fondamentalmente: l’individuo, ovvero la creazione di una soggettività perfettamente funzionale alle trame del consumo; la sua cura, ovvero la complessa strategia di sostituzione della conflittualità sociale con l’intrapsichico; il corpo, ovvero il principale strumento di colonizzazione delle coscienze; la scienza, quest’ultima con la funzione di collante dell’intero “pacchetto”. Il saggio si chiude con un capitolo sulla logica circolare: il cerchio come figura che meglio rappresenta l’infinito implementato dal capitalismo nella vita dei soggetti.

Sandro Vero (Ragusa) è giornalista e scrittore. Dirige la testata online Agenda, portale di informazione e approfondimento degli eventi culturali della sua provincia. Il suo lavoro di psicoterapeuta è affiancato da un’intensa attività di promozione e provocazione culturale. Oltre a numerosi articoli scientifici ha pubblicato Le strutture profonde della comunicazione (Bonanno) e Il corpo disabitato (Angeli). I temi della sua indagine sono la strategia di soggettivazione e l’ingegneria delle passioni nel capitalismo, lo status della psicologia nell’ambito del discorso epistemologico.
(Visualizzazioni 2.286 > oggi 1)

Pages: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

Diego Fusaro