I cento talleri




Luca Basile,
SCIENZA POLITICA E
FORME DELL’EGEMONIA
Intorno al problema della classe Dirigente in Mosca, Michels, Gramsci

pp. 208 – F.to 11 x 18
Copertina a due colori
ISBN 978-88-6336-298-5   pdc € 15,00
Talle70

I tre saggi raccolti nel volume puntano ad offrire una lettura in chiave gramsciana della teoria delle élites posta alla base della fondazione della scienza politica. Il primo si presenta come un sintetico insieme di note sviluppabili in vista di una ricerca piu’ vasta e
compiuta circa il pensiero di Gaetano Mosca, evidenziandone l’originale ma robusto impianto
naturalistico-positivista nonche’ l’inclinazione a divaricare liberalismo e democrazia. Il secondo saggio prosegue le direttrici di ricerca del primo, focalizzando, in questa luce, le indicazioni interpretative a proposito del contributo teoricopolitico moschiano fornite da Gramsci nei Quaderni. In ultimo, il terzo saggio, piu’ ampio, dedicato al rapporto di Gramsci con le tesi, formulate da R. Michels, della ‘legge ferrea delle oligarchie’ e della leadership carismatica cerca di porre in relazione il presente plesso di questioni con l’affermarsi della natura di massa del fascismo, valorizzando la decisiva
incidenza della nozione di ‘rivoluzione passiva’. Il tutto conducendo una disanima puntale ed esaustiva sul piano della ricostruzione filologico-storiografica.

Costanzo Preve (1943 – 2013) ha studiato scienze politiche, filosofia e neoellenistica nelle Universita’ di Torino, Parigi e Atene (1961-1967). E’ autore di numerosi studi di storia del marxismo e di storia della filosofia pubblicati sia in italiano sia in lingue straniere. Il suo contributo agli studi filosofici e’ principalmente rivolto ad una ricostruzione razionale e non ideologica della storia del marxismo e ad una riattualizzazione convincente del pensiero greco classico.
Luigi Tedeschi (1954) laureato in giurisprudenza con una tesi in filosofia del diritto su Max Stirner, svolge la professione di revisore legale dei conti e consulenza aziendale. Con Costanzo Preve ha pubblicato nel 2008 il libro “Alla ricerca della speranza perduta”, dialogo filosofico-politico sulle problematiche del nostro tempo e nel 2013 “Lineamenti per una nuova filosofia della storia”. Ha anche pubblicato un libro intervista “Dove va la finanza?” con Giorgio Vitangeli, direttore del periodico “La Finanza”.
I suoi interessi principali, oltre alla filosofia, sono nel campo dell’economia e della finanza.

Costanzo Preve, Luigi Tedeschi,
DIALOGHI SULL’EUROPA E SUL NUOVO ORDINE MONDIALE
Introduzione di Stefano Sissa

pp. 542 – F.to 11 x 18
Copertina a due colori
ISBN 978-88-6336-238-1   pdc € 30,00
Talle69

Questo e’ il terzo dei libri di dialoghi tra Costanzo Preve e Luigi Tedeschi che costituiscono altrettante fasi di un percorso ideale iniziato nel 2002, teso alla interpretazione del nostro tempo, analizzato al fine di rinvenire in esso le radici storiche e filosofiche da cui e’ derivata l’era della globalizzazione, vissuta da larga parte dell’umanità come un eterno presente senza storia. Sulle ceneri delle ideologie novecentesche, in questi dialoghi viene analizzata la nuova antropologia umana scaturita dall’avvento del capitalismo globalista, che comporta l’assoggettamento della totalita’ dei rapporti umani alla “forma merce”.
E’ questa mercificazione dell’umanità a generare la flessibilita’ e la precarieta’ oltre che del lavoro, anche di tutti i rapporti della vita sociale. L’analisi filosofica di Costanzo Preve si ispira alla filosofia greca, alla concezione della comunita’ intesa come espressione della natura sociale dell’uomo. Il comunitarismo vuole dunque rappresentare il termine dialettico di opposizione all’individualismo capitalista, perche’ oppone la solidarieta’ comunitaria e il primato della politica alla alienazione produttivista – consumista frutto del primato dell’economia. Questi dialoghi vogliono essere anche e soprattutto una forma di primaria resistenza etica e culturale alla omologazione mercatista del capitalismo assoluto. Costanzo Preve non è più tra noi dal novembre 2013.
Egli ci lascia in eredita’ un pensiero, la cui fecondita’ e’ data dalla estrema potenzialita’ (per ora utopica), di sviluppi culturali e politici, validi per costruire la societa’ del futuro.

Costanzo Preve (1943 – 2013) ha studiato scienze politiche, filosofia e neoellenistica nelle Universita’ di Torino, Parigi e Atene (1961-1967). E’ autore di numerosi studi di storia del marxismo e di storia della filosofia pubblicati sia in italiano sia in lingue straniere. Il suo contributo agli studi filosofici e’ principalmente rivolto ad una ricostruzione razionale e non ideologica della storia del marxismo e ad una riattualizzazione convincente del pensiero greco classico.
Luigi Tedeschi (1954) laureato in giurisprudenza con una tesi in filosofia del diritto su Max Stirner, svolge la professione di revisore legale dei conti e consulenza aziendale. Con Costanzo Preve ha pubblicato nel 2008 il libro “Alla ricerca della speranza perduta”, dialogo filosofico-politico sulle problematiche del nostro tempo e nel 2013 “Lineamenti per una nuova filosofia della storia”. Ha anche pubblicato un libro intervista “Dove va la finanza?” con Giorgio Vitangeli, direttore del periodico “La Finanza”.
I suoi interessi principali, oltre alla filosofia, sono nel campo dell’economia e della finanza.
(Visualizzazioni 1.821 > oggi 1)

Pages: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19

Diego Fusaro