Gli stessi che hanno massacrato nel sangue i lavoratori a colpi di “riforme del lavoro” vogliono l’immigrazione a ogni costo. Perché? Per poter ancora massacrare i lavoratori, costringendoli a competere con i nuovi schiavi deportati dall’Africa.


“Per quanto sia innegabile che in tutte le epoche coloro che erano in grado di elevarsi a un mondo ideale furono sempre una minoranza, mai come al giorno d’oggi, per ragioni che posso passare sotto silenzio, questa minoranza è stata così ristretta”. (J.G. Fichte, La missione del dotto)



(Visualizzazioni 916 > oggi 1)