Un po’ di ordine   mentale, in questo tempo di disordine pianificato. Il vero internazionalista è patriota: crede nel rapporto solidale tra patrie libere. Il mondialista odia le patrie, ché vuole vedere ovunque il medesimo, il piano liscio del mercato globale senza identità, culture e radici, con schiavi interscambiabili. E voi da che parte state?


"E cosí come l’intelligenza umana – l’intelligenza, almeno, che non pensa dei composti – si comporta in qualche momento (infatti, essa non ha il suo bene in questa o quella parte, ma ha il suo bene supremo in ciò che è un tutto indivisibile, il quale è qualcosa di diverso dalle parti): ebbene, in questo stesso modo si comporta anche l’Intelligenza divina, pensando sé medesima per tutta l’eternità"' (Aristotele, "Metafisica")



(Visualizzazioni 249 > oggi 1)