Le rivoluzioni ortografiche e le riforme linguistiche. Quelle che – si direbbe a Torino – fanno fine e non impegnano. Soprattutto non sono d’intralcio per la classe dominante.














(Visualizzazioni 158 > oggi 1)