Lo chiamano “debito pubblico” e lo combattono come tale: in realtà, sono scuole e ospedali, strade e servizi pubblici. La lotta liberista contro il debito pubblico è la lotta in nome della privatizzazione.


“Decidetevi a non servire più, ed eccovi liberi. Non voglio che lo abbattiate o lo facciate a pezzi: soltanto, non sostenetelo più, e allora, come un grande colosso cui sia stata tolta la base, lo vedrete precipitare sotto il suo peso e andare in frantumi”. (É. de La Boétie, Discorso sulla servitù volontaria)



(Visualizzazioni 707 > oggi 1)