L’ultima di Augias sul patriottismo. Patriottismo non è nazionalismo, dice. Vero! Peccato che i cosmopoliti come lui annullino sia il patriottismo, sia il nazionalismo, usando il secondo come alibi per liquidare il primo.





“Ogni uomo infine, all’infuori della sua professione esplica una qualche attività intellettuale, è cioè un ‘filosofo’, un artista, un uomo di gusto, partecipa di una concezione del mondo, ha una consapevole linea di condotta morale, quindi contribuisce a sostenere o a modificare una concezione del mondo, cioè a suscitare nuovi modi di pensare”. (A. Gramsci, Quaderni del carcere)







(Visualizzazioni 169 > oggi 1)