L’uso meschino che del povero giornalista italiano ucciso a Strasburgo stanno dispiegando post mortem gli euroinomani si lascia ben cristallizzare nel noto asserto di Walter Benjamin: “neppure i morti saranno al sicuro dal nemico, se esso vince”.


“Le rivoluzioni, forse, non vengono sconfitte, rovesciate e rinnegate solo dall’esterno. Non opera forse negli individui una dinamica che nega dall’interno una liberazione e soddisfazione possibile, e li rende così pronti a piegarsi non soltanto esteriormente a quella negazione?”. (H. Marcuse, Progresso e felicità)



(Visualizzazioni 1.171 > oggi 1)