Il livello di disperazione del Partito democratico e dei suoi militanti si potrebbe misurare anche da quanta eco ha avuto l’esternazione di Pif, già Iena e già ospite della Leopolda renziana. Per tutto il giorno i siti dei giornaloni hanno ospitato le parole di Pif che invitava i dirigenti del Pd perché cercassero un accordo con il Movimento Cinque Stelle. Dopo il suo intervento, sui social è scoppiato il bubbone-Pif, rimbalzando di profilo in profilo ad alimentare un dibattito surreale di chi ancora non si è rassegnato a passare cinque anni all’opposizione.

Leggi anche: “Squallide cubiste, utili idiote del capitalismo”, Fusaro massacra le femen

 


“Che cos’è un uomo in rivolta? Un uomo che dice no. Ma se rifiuta, non rinuncia tuttavia: è anche un uomo che dice di sì, fin dal suo primo muoversi. Uno schiavo che in tutta la sua vita ha ricevuto ordini, giudica ad un tratto inaccettabile un nuovo comando”. (A. Camus, L’uomo in rivolta)



(Visualizzazioni 343 > oggi 1)