“Libera circolazione delle merci e delle persone”, ecco il primo desiderio della classe dominante turbocapitalistica, da Soros a Jp Morgan. E in piazza i pagliacci arcobaleno che si ritengono rivoluzionari ripetono ottusamente “libera circolazione delle merci e delle persone”. Utili idioti al servigio  del potere. I centri sociali ormai dovrebbero essere intitolati a Soros e a Rockefeller.


“In fondo all’Io c’è un Noi; che è la comunità a cui egli appartiene, e che è la base della sua spirituale esistenza, e parla per sua bocca, sente col suo cuore, pensa col suo cervello”. (G. GENTILE, Genesi e struttura della società)



(Visualizzazioni 2.946 > oggi 1)