Palermo, professore ipovedente rimprovera alunna e il padre lo picchia: sospetta emorragia cerebrale. La misura è colma. La società della trasgressione permanente.


«Il mio animo non può trovar posto nel presente né riposarvi un attimo, vien respinto da esso irresistibilmente; la mia intera vita scorre incessantemente verso il futuro e il meglio». (J. G. Fichte, La destinazione dell’uomo)



(Visualizzazioni 575 > oggi 1)