La trovata pubblicitaria è geniale. Scattate le foto e garantiti i servizi sui rotocalchi, ognuno per la propria strada: Gere tra i copiosi dollari di Hollywood e i migranti nell’inferno del caporalato garantito dai porti aperti e dai nuovi traffici di vite umane.





“Uno degli idoli più comuni è quello di credere che tutto ciò che esiste è ‘naturale’ esista”. (A. Gramsci, Quaderni del carcere)







(Visualizzazioni 521 > oggi 1)