LEGGI L’ARTICOLO:

Certo, per i padroni e per i loro giornalisti al guinzaglio è una “porcata” (sic!) dire che vi sono schiavi e padroni e rifiutarsi di beatificare in maniera servile i padroni, come fanno suddetti giornalisti.


 

“Che cos’è un uomo in rivolta? Un uomo che dice no. Ma se rifiuta, non rinuncia tuttavia: è anche un uomo che dice di sì, fin dal suo primo muoversi. Uno schiavo che in tutta la sua vita ha ricevuto ordini, giudica ad un tratto inaccettabile un nuovo comando”. (A. Camus, L’uomo in rivolta)



(Visualizzazioni 1.625 > oggi 1)