Apri il rotocalco turbomondialista “La Repubblica” e vedi che in ogni titolo esso parteggia per l’Europa contro l’Italia, per la Banca Centrale Europea contro il popolo italiano. E capisci una volta di più la funzione strategica dei giornalisti al servigio della classe dominante.


“Distruggere è molto difficile, tanto difficile appunto quanto creare. Poiché non si tratta di distruggere cose materiali, si tratta di distruggere ‘rapporti’ invisibili, impalpabili, anche se si nascondono nelle cose materiali”. (A. Gramsci, Quaderni del carcere)



(Visualizzazioni 259 > oggi 1)