E poi v’è Beppe Severgnini, il canuto araldo del turboliberismo sans frontières a vocazione incondizionatamente atlantista, immancabile puntello dell’ordine dei Mercati cosmopolitici.


"È evidente che, come diciamo uomo libero colui che è fine a se stesso e non è asservito ad altri, così questa sola, tra tutte le altre scienze, la diciamo libera: essa sola, infatti, è fine a se stessa". (Aristotele, "Metafisica")



(Visualizzazioni 288 > oggi 1)