L’inganno subdolo di Greta e del padronato sta in ciò: occultano il fatto che la giusta lotta per l’ambiente non si fa stringendo la mano al premio Nobel per la pace missilistica Obama o belando “ambienteee!” in piazza. Si fa, semmai, mediante la lotta di classe e il rovesciamento del modello capitalistico di sviluppo. Il modo di Greta e dei padroni è falso: fa sentire in colpa il popolo e la classe lavoratrice, senza mai, ovviamente, menzionare i padroni. Pensate alla scena tragicomica di Greta che veleggia beata verso Nuova York con Casiraghi, mentre l’operaio in coda sulla Panda sul grande raccordo anulare deve sentirsi in colpa perché inquina il pianeta! Il capolavoro del padronato cosmopolitico.





“L’essere umano non è un’astrazione immanente all’individuo singolo. Nella sua realtà, esso è l’insieme dei rapporti sociali”. (K. Marx, Tesi su Feuerbach, VI)







(Visualizzazioni 1.393 > oggi 1)