Ancora il Turboparenzo, amico dei potenti