Ho visto giovani con bandiere arcobaleniche che urlavano “aprite i porti!”. Pensavano di essere rivoluzionari. E invece soltanto ripetevano come manichini le parole d’ordine dei padroni del capitale: aprire i porti per favorire la circolazione, lo sfruttamento e i profitti.