Per i padroni del discorso, amici del padronato cosmopolitico, a essere sconcertante è la campagna contro l’utero in affitto, e non l’abominevole pratica dell’utero in affitto. Che fa della donna un magazzino aziendale e del bimbo una merce on demand, con derive eugenetiche.