Ed ecco di nuovo Boldrin, il bardo turboliberista che si ridicolizza