In questo cerimonioso proclama del bardo cosmopolita del sontuoso attico di Nuova York, sempre cinto da noia patrizia, pare esservi un “non” di troppo.