google.com, pub-1613741143817390, DIRECT, f08c47fec0942fa0

Tag: classi lavoratrici

E ora arriva Draghi. State pronti

Draghi, l’euroinomane più impenitente, ha terminato il suo incarico alla BCE. Presto avrà il potere in Italia. State pronti. Liberismo a tutta forza, riforme privatizzatrici, massacro delle classi lavoratrici e del ceto medio in nome del teologumeno “ce lo chiede l’Europa”.


Giallofucsia, il governo dei maggiordomi della finanza

I signori della finanza pagano per legge il 5 per cento di tasse. Il governo, anziché tassarli, va a colpire i ceti medi disperati e le classi lavoratrici martoriate. Lo fa colpendo il contante e i prelievi. Il governo giallofucsia è un governo di maggiordomi dei padroni.


Mario Monti “Così l’Italia si fa male”. Detto da lui fa sorridere

Mario Monti “Così l’Italia si fa male”. Così parlò il fiduciario dei mercati, che impose all’Italia le riforme lacrime e sangue di massacro delle classi lavoratrici in nome del “ce lo chiede l’Europa” e del liberismo cosmopolita.


Von der Leyen al Bilderberg nel 2015, 2016, 2018 e 2019…

Sapevate che Von der Leyen e Lagarde erano al consesso del gruppo Bilderberg? Von der Leyen nel 2015, 2016, 2018, 2019. Il gruppo Bilderberg, ovviamente, ha scelto di collocarle ai vertici delle istituzioni europee per tutelare il bene dei popoli e delle classi lavoratrici.


Lagarde e von der Leyen. Vincono le donne? No, vince la classe dominante

E mentre le sinistre fucsia giubilano perché due donne sono ora al potere (Lagarde e von der Leyen), le due donne summenzionate si accingono a massacrare le classi lavoratrici e i popoli d’Europa. Farebbe ridere, se non facesse piangere.


Il bacio tra Luxuria e Argento in prima pagina sul rotocalco turbomondialista “La Repubblica”, voce del padronato cosmopolitico

“Il bacio tra Vladimir Luxuria e Asia Argento”. Sic! Le priorità informative del rotocalco turbomondialista “La Repubblica”, grancassa del padronato cosmopolitico e dell’odio organizzato verso le classi lavoratrici e verso i dannati della mondializzazione.


Diego Fusaro