Nell’evo della falsità universale, esprimere liberamente la verità diventa, in quanto tale, un gesto politicamente scorretto.