Tag: cosmopolitismo

Fassino, Johnson e le sinistre cosmopolite

Le sinistre seguiteranno a perdere e a coprirsi di ridicolo finché non capiranno che il populismo regressivo à la Johnson non si combatte con il cosmopolitismo liberista, ma con un populismo socialista, antiglobalista e sovranista di tipo rivoluzionario.


Sì al ritorno del gialloverde! È la sola possibilità per ora

Se vi è anche una sola possibilità della ricomposizione del governo gialloverde, essa va seguita incondizionatamente. Nell’odierna fase storica, è la sola possibilità per contenere l’avanzata famelica delle élites globaliste. Se, poi, l’alternativa è il giallofucsia del cosmopolitismo liberista pro-UE o il sovranismo liberista della signora Santanché, allora a maggior ragione va seguita.


La coincidenza tra le grammatiche della new left fucsia e del padronato cosmopolitico

Chissà se le brigate fucsia della new left hanno coscienza del fatto che le loro parole coincidono con quelle dei padroni del capitale globalista? Porti aperti, libera circolazione, cosmopolitismo, più Europa, meno sovranità, più liberalizzazione dei costumi e dei consumi.


La crisi della fetida ideologia globalista delle classi dominanti

Da festeggiare non è tanto il successo dei sovranisti, quanto la crisi irreversibile del progressismo neoliberista e della sua fetida ideologia del cosmopolitismo dei ricchi, dei capricci individualisti, dell’europeismo nemico delle classi dominate e del globalismo finanziario.


Antifascismo, il peggior prodotto del fascismo. Parola del comunista Bordiga

Il comunista Bordiga disse che il peggior prodotto del fascismo fu l’antifascismo. Che avesse ragione si evince dalla vicenda patetica del Salone del Libro e dagli squallidi pedagoghi squadristi dell’antifascismo in assenza di fascismo, utili idioti del cosmopolitismo liberista e della classe dominante no border. Essi vorrebbero mettere fuori legge perfino Gentile e Heidegger, di…


Spagna: vincono le sinistre pro-Europa e, con esse, il cosmopolitismo liberista

Spagna: vincono le sinistre pro-Europa e, con esse, il cosmopolitismo liberista


Diego Fusaro