Il rotocalco turbomondialista “La Repubblica” svela la propria demofobia