Non v’è altra soluzione. Per difendere il lavoro, occorre una pugna asperrima contro il precariato e in nome della dignità del lavoro, contro il competitivismo globale e per l’interesse nazionale.