“Lavazza: 250 euro a chi fa un figlio”. Non sarà un granché, è vero. Ma è sicuramente un segnale controtendenza, un un’epoca di assedio turbomondialista contro la famiglia come cellula fondativa di ogni comunità.