I giornalisti invocano il colpo di Stato finanziario-sorosiano (sic!)