Questa è la prima epoca storica in cui gli intellettuali sono più stupidi della gente comune” (Costanzo Preve)