Un amabile esponente delle sinistre fucsia che, traditrici di Marx e dei lavoratori, hanno sostituito la sacrosanta lotta di classe con la patetica lotta alla grammatica e all’ortografia