Tag: gramsci

La brigata fucsia salita sulla Sea Watch. Amici del capitale, non dei lavoratori

La brigata fucsia. Quattro delle sinistre arcobaleniche. E uno di “+Europa’, a segnalarci che la vicenda Sea Watch e i porti aperti non c’entrano nulla con Marx e Gramsci: sono, invece, il programma del neoprogressimo liberista e della libera circolazione.


Dal comunismo alla deportazione di africani. La demenza delle sinistre fucsia, serve del padronato

Il grado di demenza delle sinistre fucsia traditrici di Gramsci è che non solo hanno abbandonato la classe lavoratrice, ma hanno ora identificato il comunismo con la deportazione via mare di schiavi africani a beneficio del padronato cosmopolitico.


Gramsci e lo Stato. Altro che il cosmopolitismo delle sinistre fucsia!

Con le parole di  Gramsci,   il nostro scopo deve essere lo “Stato socialista nazionale, disposto e organizzato in modo da essere capace di ingranarsi con gli altri Stati socialisti” (Gramsci, “Lo Stato e il   socialismo”).  Altro che globalizzazione e fine dello Stato!


“Mi sento più sicuro stando di qua, sotto l’ ombrello della NATO”. Io non festeggio Berlinguer

“Mi sento più sicuro stando di qua, sotto l’ ombrello della NATO”. Io non festeggio Berlinguer. Egli è già parte della dissoluzione. Io celebro Gramsci, lui è il vero esempio.


L’approdo di Lerner e la new left fucsia dimentica dei lavoratori

L’approdo. Il barcone e i migranti sono il nuovo simbolo della sinistra fucsia, traditrice delle classi lavoratrici e di Gramsci. La sinistra, in sostanza, che ha abbandonato l’internazionalismo proletario per il cosmopolitismo liberista.


Cannabia e liberalizzazione. Il mio punto di vista

Riprendo qui alcune mie considerazioni in tema di legalizzazione delle droghe. È la cifra dell’odierna condizione paradossale in cui il diritto allo spinello, al sesso libero e all’irrisione dei valori tradizionali viene concepito come maggiormente emancipativo rispetto a ogni presa di posizione contro i crimini che il mercato non smette di perpetrare impunemente, contro gli…


Diego Fusaro