Zucconi e l’indegno attacco ai più deboli come “falliti”