google.com, pub-1613741143817390, DIRECT, f08c47fec0942fa0

Tag: integrazione

La Ue è una dittatura della classe dominante. Lo ammette Helmut Kohl

Il 9 aprile del 2013, intervistato dal “Telegraph”, l’ex cancelliere tedesco Helmut Kohl ammise apertamente che, in caso di referendum, il popolo della Germania mai avrebbe approvato l’ingresso della propria nazione nell’Unione Europea, spingendosi ad asserire senza perifrasi: “nel caso dell’euro sono stato come un dittatore”. E vi sono ancora fessi che pensano che la…


Dalle Calabrie la conferma: non è accoglienza, è deportazione di schiavi dall’Africa

Dalle Calabrie giunge oggi la conferma di ciò che già sapevamo: la neolingua la chiama accoglienza e integrazione, in realtà è deportazione di esseri umani dall’Africa mediante i quali fare profitti.


Arrivano in Italia nuovi deportati dall’Africa!

Anche in questi giorni arrivano in Italia altri deportati dall’Africa. Ecco che tutto procede secondo copione. I deportati sono chiamati migranti dalla neolingua. E, in tal guisa, chi si opponga alle abominevoli pratiche della deportazione è condannato dai padroni del discorso politicamente corretto come criminale che si oppone all’integrazione e all’accoglienza.  


Muore bracciante, condizioni disumane. Ecco le virtù dell’immigrazione

Lecce, bracciante muore mentre lavorava con 40°: non aveva contratto, si chiamava Mohammed. Ecco qui l’integrazione e l’accoglienza, nobili parole dietro le quali si occulta la vera essenza neoschiavista dell’immigrazione di massa voluta dalla destra del danaro e glorificata dalla sinistra del costume. Abbassare i salari della classe lavoratrice, terzomondizzare l’Europa, degradare ulteriormente le condizioni…


Un uso criminale delle immagini

Disumano è che avvengano queste morti. Come disumano è che i padroni del discorso le usino per giustificare il plusimmigrazionismo e le deportazioni di africani, chiamandole “integrazione” e “accoglienza”.


Chiusi i porti? Gino Strada, vi è di che giubilare

Caro signor Gino Strada, dovrebbe giubilare. La chiusura dei porti è un primo passo verso l’arresto dei processi di deportazione di esseri umani che la neolingua capitalistica ipocritamente chiama immigrazione, accoglienza, integrazione.


Diego Fusaro