Tag: mercati

Se un marziano leggesse il rotocalco turbomondialista “La Repubblica” penserebbe che…

Se un marziano leggesse per ventura (non glielo auguro) il rotocalco turbomondialista “La Repubblica”, si farebbe l’idea che a) tutti gli italiani sono razzisti, b) che il razzismo e il populismo sono il solo problema in Italia, c) che i Mercati sono il dio che regna sovrano.


La demofoba turbomondialista Meli santifica Mario Draghi

“Fossi nel governo accenderei un cero a Santo Mario Draghi”: così ha tuonato la demofoba turbomondialista Maria Teresa Meli, in un acceso e ormai abituale impeto di servile lirismo verso i Mercati, i finanzieri cosmopoliti e gli euroinomani no border delle brume di Bruxelles.


La neolingua diffama come sovranista chiunque non abbia dimenticato la Costituzione Italiana

La neolingua dei mercati diffama come sovranista chiunque non abbia dimenticato la Costituzione Italiana: “la sovranità appartiene al popolo” (art. 1), non alla BCE e ai Mercati.


La signora Meli, la demofoba che in assenza di argomenti insultò scompostamente

Ieri ho avuto una surreale tenzone con una certa signora Meli, demofoba impenitente e sostenitrice a viso aperto della sovranità assoluta della BCE e dei mercati contro il governo italiano. Mi sono divertito assai nel vedere la demofoba che, col suo fanatismo del libero mercato, si scomponeva e mi scagliava addosso ogni sorta di offesa….


L’UE ci manda una nuova oscena lettera di minaccia

L’Ue boccia il Def. La lettera di Bruxelles a Tria: “Preoccupazione seria sul deficit”. Seguita l’oscena dittatura dei mercati e degli eurocrati senza intelligenza di Bruxelles.


Segre, “la democrazia finisce”. Sì, ma per via dei mercati

Liliana Segre: «La democrazia finisce piano piano». Gentile signora Segre, la democrazia è già finita, se mai è esistita in senso pieno: è finita con la tirannia dei Mercati e con la schiavitù del debito, con il dominio dell’élite finanziaria e con il trionfo del capitale post-1989.


Diego Fusaro