Tag: mercati

Viva le giubbe gialle, viva la democrazia del popolo che resiste!

Pensateci. Voi, lavoratori, prendete – supponiamo – 10 euro all’ora, con diritti sindacali e condizioni di lavoro di un Lunga vita alle giubbe gialle, lunga vita alla sola democrazia oggi esistente: quella del popolo che resiste e si oppone alla tirannia dei Mercati e al dispotismo della classe dominante globalista.


Mattarella parla di cittadini eguali. Ma allora perché dà sempre ragione ai Mercati apolidi?

“Mattarella: non ci sono scarti, ma cittadini di identico rango” (Mattarella). Sante parole. Ma poiché i Mercati nervosi vogliono altrimenti, suppongo egli sia pronto a ritrattare. O vorrà mica contraddirli?


L’euroinomane Mario Monti e il “Tsipras moment”

Sul rotocalco turbomondialista “Il Corriere della Sera”, il noto euroinomane Mario Monti, rappresentante dell’interesse dell’élite finanziaria globalista in Italia, parla oggi di “Tsipras moment” (rigorosamente nella neolingua anglofona dei mercati). E si domanda quando anche il governo italiano mollerà la presa e lascerà carta bianca ai tecnocrati delle brume di Bruxelles. Il nostro augurio è…


Bruxelles? Hic sunt beones

Scarpa nera e scarpa marrone nelle brume di Bruxelles. Gli euroinomani sempre più confusi. Troppe polibibite, che la neolingua dei mercati chiama cocktails. Hic sunt beones.


Se un marziano leggesse il rotocalco turbomondialista “La Repubblica” penserebbe che…

Se un marziano leggesse per ventura (non glielo auguro) il rotocalco turbomondialista “La Repubblica”, si farebbe l’idea che a) tutti gli italiani sono razzisti, b) che il razzismo e il populismo sono il solo problema in Italia, c) che i Mercati sono il dio che regna sovrano.


La demofoba turbomondialista Meli santifica Mario Draghi

“Fossi nel governo accenderei un cero a Santo Mario Draghi”: così ha tuonato la demofoba turbomondialista Maria Teresa Meli, in un acceso e ormai abituale impeto di servile lirismo verso i Mercati, i finanzieri cosmopoliti e gli euroinomani no border delle brume di Bruxelles.


Diego Fusaro