Il bardo cosmopolita torna da Fazio. Per ortopedizzare le vili plebi nazional-populiste