Tag: neolingua

Complottista, ossia non allineato al pensiero unico

La neolingua dei mercati apolidi diffama come COMPLOTTISTA chiunque non aderisca ai moduli del pensiero unico politicamente corretto ed eticamente corrotto e provi a pensare altrimenti, guardando dal basso nazionale-popolare e non dall’alto global-elitario.


Bruxelles? Hic sunt beones

Scarpa nera e scarpa marrone nelle brume di Bruxelles. Gli euroinomani sempre più confusi. Troppe polibibite, che la neolingua dei mercati chiama cocktails. Hic sunt beones.


Le sinistre fucsia traditrici di Marx e Gramsci

La sinistra snob liberal-libertaria e dalle tonalità arcobaleno – la Sinistra post marxista del Costume – si rivolge esclusivamente ai vincenti del mondialismo e disprezza gli sconfitti e le loro richieste più elementari (protezionismo, difesa dei diritti sociali, occupazione, eccetera): sempre ostracizza queste ultime mediante l’ordine simbolico della neolingua (razzisti, populisti, retrogradi, fascisti, comunisti).


La neolingua diffama come sovranista chiunque non abbia dimenticato la Costituzione Italiana

La neolingua dei mercati diffama come sovranista chiunque non abbia dimenticato la Costituzione Italiana: “la sovranità appartiene al popolo” (art. 1), non alla BCE e ai Mercati.


Dalle Calabrie la conferma: non è accoglienza, è deportazione di schiavi dall’Africa

Dalle Calabrie giunge oggi la conferma di ciò che già sapevamo: la neolingua la chiama accoglienza e integrazione, in realtà è deportazione di esseri umani dall’Africa mediante i quali fare profitti.


E la neolingua li chiama “filantropi”

La neolingua dei mercati chiama “filantropi” i peggiori lupi di borsa, i più cinici e arrembanti ammiragli della turbofinanza, i più biechi speculatori sulle vite altrui e i più meschini cartolarizzatori del futuro dei popoli.


Diego Fusaro