Tag: nuova york

A Nuova York non più neonati maschi e femmine, ma genere x

“Né maschio né femmina, ma “Gender X”: ecco il regalo di Nuova York ai neonati”. Ecco il nuovo ordine erotico genderizzato, volto a creare in vitro il consumatore neutro unisex, mero supporto anonimo e alienato del consumo.


Porti aperti, ma l’attico di Nuova York blindatissimo

Il bardo cosmopolita Saviano al ministro dell’Interno: “Vieni a vedere il miracolo di Riace”. Ordunque, amabile bardo cosmopolita, vorremmo invero venire a vedere anche il miracolo del sontuoso attico di Nuova York, con il prodigio delle titillevoli aragoste rubiconde e dei nerboruti della guardinga scorta. Ma si sa: i porti aperti, ma l’attico di Nuova…


Il bardo cosmopolita torna a tuonare dal sontuoso attico di Nuova York

Or ora il bardo cosmopolita, con lucida boccia riflettente, sta sermoneggiando dagli spazi sontuosi del fastoso attico di Nuova York, protetto dalla guardinga scorta dei nerboruti. Lamenta che un carico prezioso di migranti deportati dall’Africa è stato sequestrato. Ovviamente sulla deportazione in sé nulla ha da eccepire, il sommo vate del cosmomercatismo glamour. Anch’egli pare…


I turboglobalizzarori di La Repubblica ci ortopedizzano in senso global facendoci volare a Nuova York

“Chi legge Repubblica, vola a New York!”. E dove volevate che vi facessero volare, pecoroni cosmopoliti che non siete altro?  


Il bardo cosmopolita elogia la Bonino…

Dal suo sontuoso attico di Nuova York, tra titillevoli aragoste e inebrianti tartufi rigorosamente bianchi, il bardo cosmopolita encomia la signora Bonino, sintesi perfetta della destra liberista del danaro e della sinistra sessantottina del costume. Insieme difendono i rapporti di forza del capitalismo globalizzato. Insieme tutelano l’ordine classista della globalizzazione dei mercati. Insieme impediscono il…


Ancora lui, il bardo cosmopolita di Nuova York

Così sermoneggiò il bardo cosmopolita prima di rimontare ratto sull’attico sontuoso di Nuova York, tra la guardinga scorta e le titillevoli aragoste: “Grazie presidente! Grazie a Lei la Diciotti è a Trapani, con il suo prezioso carico di esseri umani”. Ordunque, i migranti valgono come “prezioso carico”. Non v’è altro da aggiungere.


Diego Fusaro