Tag: Occidente

De Donno: cancellato da Facebook!

De Donno: cancellato da Facebook!



Cambiata la Marcia di Radetzky al Concerto di Vienna perché il finale è “nazista”. Il suicidio dell’Occidente

Leggiamo sul “Fatto Quotidiano” : Concerto di Capodanno, l’orchestra di Vienna cambia la marcia di Radetzky: “Il finale è nazista”. E ora arriva il musicalmente corretto. La barbarie avanza, l’Occidente si sta suicidando, per di più in modo ridicolo.


La barbarie della civiltà senza padri

La spirale di barbarie in cui è precipitato l’occidente tecnonichilista si riscontra anche nel transito dal glorioso patronimico degli antichi Greci all’odierna (in)civiltà senza padri.


Il PD, partito del Capitale contro il Lavoro

Il marxismo come partito del Lavoro stava diventando egemonico in Occidente. La classe dominante del Capitale, non potendolo sconfiggere, lo metabolizzò. E così, dagli anni 90, le proprie “riforme” il Capitale le fece fare alla Sinistra  (Blair, Mitterand, D’Alema). Ecco il Pd.


Missili francesi in Libia. Svelato il mistero delle migrazioni volute dai signori della guerra

Libia, missili francesi scoperti in una base del generale Haftar. L’occidente scatena guerre in Africa, costringe gli africani a fuggire, garantisce manodopera deportata al padronato cosmopolitico. Colonialismo 2.0.


Il pensiero unico dice che Dante è antisemita e islamofobo. E vuole eliminarlo

«Dante antisemita e islamofobo. La Divina Commedia va tolta dai programmi scolastici». Prosegue con successo il suicidio dell’Occidente. Un suicidio comico, tuttavia. L’ignoranza di questi microbi è patetica. Il guaio è che i microbi, pur nella loro piccolezza, fanno danni.


Tendine al cimitero per nascondere le croci. Il suicidio dell’occidente

Tendine al cimitero per nascondere le croci. Il suicidio dell’occidente


Tamburi e arcobaleni in piazza. La morte ridicola dell’occidente

Tamburi e arcobaleni in piazza. La morte ridicola dell’occidente


Anastasio destro o sinistro? Questa la domanda fondamentale del rotocalco turbomondialista “La Repubblica”

“Un like non fa il rapper. Anastasio di sinistra o di destra?”. Questa la Grundfrage, la “domanda fondamentale” sollevata oggi dal rotocalco turbomondialista “La Repubblica”, voce dei mercati cosmopolitici, della chiacchiera incontrollata e del nichilismo dell’Occidente.


Diego Fusaro