Il bardo cosmopolita difende Carola e, dall’attico di Nuova York, attacca le plebi italiche