Dopo il cuoco mondialista Rubio, dopo l’architetto no border Fuksas (già nominalmente vicino alle sinistre fucsia), adesso è la volta dell’imprenditore che si è fatto da sé, Lapo. L’armata Brancaleone dei globalisti arcobalenici, spregiatori dei popoli sovrani.