τὸ γὰρ ἀληθὲς οὐδέποτε ἐλέγχεται, “la verità non si confuta mai” (“Gorgia”, 473 b). La si può deridere o mettere all’indice, la si può processare e incarcerare. Ma, appunto, non la si può confutare.