Solidarietà ai giornalisti del rotocalco turbomondialista “La Repubblica”, in sciopero per i tagli al personale. I lavoratori vanno rispettati, sempre. Anche quando – ed è il caso – celebrano quotidianamente il sistema liberista, di cui ora scoprono sulla loro pelle la “bontà”.