“… non mi esime dal fare i conti con la realtà” (Tito Boeri). E fu così che i cantori del liberismo, con l’usuale impeto lirico di servilismo, passarono dal “ce lo chiede il mercato” al “ce lo chiede la realtà”.