La lotta di classe c’è e la sta vincendo la global class cosmopolitica dei top managers, dei delocalizzatori cinici e degli ammiragli della turbofinanza speculativa.