Il fatto che il “vaffa” un tempo rivolto alla “casta” ora sia rivolto agli elettori e ai militanti è la prova di una palese metamorfosi dal populismo alla demofobia, dalla vicinanza verso il popolo all’odio verso il popolo.