Prima tagliarono trenta parlamentari. Per risparmiare, dicevano. Poi ne tagliarono altri trenta. Per risparmiare, ripeterono. Poi altri trenta, accampando lo stesso motivo. Alla fine il parlamento fu vuoto e il potere fu in mano a uno solo. Si era risparmiato e, insieme, si era di fatto ammesso che la dittatura è meno dispendiosa della democracia e, dunque, da preferirsi per quanti assumano il punto di vista del cretinismo economico dominante.





"Che cosa è dunque il tempo? Se nessuno me ne chiede, lo so bene: ma se volessi darne spiegazione a chi me ne chiede, non lo so: così, in buona fede, posso dire di sapere che se nulla passasse, non vi sarebbe il tempo passato, e se nulla sopraggiungesse, non vi sarebbe il tempo futuro, e se nulla fosse, non vi sarebbe il tempo presente. Ma in quanto ai due tempi passato e futuro, in qual modo essi sono, quando il passato, da una parte, più non è, e il futuro, dall'altra, ancora non è? In quanto poi al presente, se sempre fosse presente, e non trascorresse nel passato, non più sarebbe tempo, ma sarebbe, anzi, eternità. Se, per conseguenza, il presente per essere tempo, in tanto vi riesce, in quanto trascorre nel passato, in qual modo possiamo dire che esso sia, se per esso la vera causa di essere è solo in quanto più non sarà, tanto che, in realtà, una sola vera ragione vi è per dire che il tempo è, se non in quanto tende a non essere?". (Agostino, "Confessioni")







(Visualizzazioni 197 > oggi 1)