Vi ricordo che chi, nei mesi scorsi, avesse osato avanzare una simile ipotesi ermeneutica si sarebbe immediatamente visto bloccare i video e i contenuti sulle piattaforme digitali dette “libere”.












(Visualizzazioni 237 > oggi 1)